Login:
Registrati ora Password Dimenticata?
Luisa Spagnoli
Segnalata da:
Roberta Paino
 
r.paino@fondazioneemblema.it
r.oberta.paino

Luisa Spagnoli

Perugia, 30 ottobre 1877 – Parigi, 21 settembre 1935

Luisa Sargentini, nasce a Perugia in una famiglia non molto benestante in cui a lavorare, come la maggior parte delle famiglie dell’epoca, era il solo il padre pescivendolo. Giovanissima si sposa con Annibale Spagnoli di cui prende il nome che la renderà tra le imprenditrici più conosciute della storia italiana: Luisa Spagnoli.

Luisa nasce in un momento storico in cui il massimo della soddisfazione sociale per una donna consisteva nel trovare un buon compagno di vita da sposare come alternativa all’entrare in convento. Luisa, spirito libero e imprenditoriale, ha però desideri differenti. Da un lato sente la necessità di dare una svolta alle sue giornate sempre uguali dall'altro vorrebbe porre fine a quella relazione vissuta  sempre a distanza con un marito militare. 

Spinta da queste motivazioni rileva una pasticceria in centro a Perugia di cui il marito fa parte della società. La pasticceria diventa brevemente un vero e proprio laboratorio dolciario con 15 dipendenti e nuove proposte per i propri clienti.  Dipendenti che, allo scoppio della seconda guerra mondiale sono chiamati ad arruolarsi. Sebbene il cioccolato non sia il prodotto più ricercato in quel momento Luisa decide che la sua produzione deve andare avanti e che si sarebbe avvalsa di una forza lavoro tutta al femminile.  Sa perfettamente che questa decisione deve scontrarsi con le necessità delle sue nuove collaboratrici, rimaste in casa da sole ad occuparsi anche dei figli. In fondo lei stessa è madre di tre figli e moglie di un ex-soldato chi più di lei non può comprendere le necessità delle donne lavoratrici. Con queste convinzioni l'imprenditrice arruola una nuova forza lavoro creando  all’interno della sua azienda un asilo e offrendo la possibilità alle sue dipendenti di allattare facendo delle pause da lavoro.

E' proprio in questi anni che Luisa crea anche il cioccolatino per eccellenza degli innamorati,  “ il bacio, portando la sua azienda ad un grande riconoscimento in tutta Europa. Negli anni 20 in questo clima positivo per l'azienda l'imprenditrice va in pensione nella sua villa tra le colline umbre.

Nella sua tenuta, tra hobby e passatempi, alleva anche dei conigli d’angora, di cui  passa ore a togliersi di dosso i peli: da questa attività si chiede come poter sfruttare quei filamenti che le restano appiccicati ovunque. Così lascia per un po' l’idea della pensione, recluta alcune operaie della sua ex azienda e con loro inizia una serie di esperimenti nel tentativo di utilizzare il pelo dei conigli come tessuto.  Questo permette a Luisa di gettare le fondamenta di una nuova aziende che possa creare capi morbidi e caldi senza maltrattare gli animali da cui si ricava il filamento.

Luisa è un’imprenditrice visionaria che pone le basi per un sistema di welfare aziendale all’avanguardia che ancora oggi  sono mantenute dai figli in aziende permettendo di inserire Luisa Spagnoli trai brand più attenti ai dipendenti.

Le sue aziende fin dalla nascita hanno messo in atto i maggiori valori e principi che le aziende moderne faticano a mantenere: la gestione degli scarti, l’attenzione al maltrattamento degli animali. Ma non solo, anche l’attenzione ai dipendenti, alle loro esigenze e al proprio benessere personale



© 2022 FONDAZIONE EMBLEMA • P.I. 03367281205 • Tutti i diritti riservati